BENVENUTI!
Associazione Amici dell' Isola del Tino ODV

Storia, cultura, marineria, fede, scienza, ambiente, solidarietà

DIVENTA PARTE DI UNA
STORIA MILLENARIA

Il Tino, piccola isola dell'arcipelago di Portovenere nel golfo della Spezia, è un triangolo roccioso che raggiunge i 121 metri s.l.m. Isola di natura pressoché incontaminata, di storia e leggende, sito archeologico e zona sacra, perla di luce, con il suo faro, luogo di sperimentazione tecnica, il Tino è isola della Marina Militare e, dal 1997, Patrimonio dell'Umanità. Custodire, valorizzare e far conoscere questo immenso patrimonio è l'obiettivo dell' Associazione Amici dell’isola del Tino. Tutti possono entrare a far parte di questa storia millenaria e contribuire a scriverne una nuova pagina.

Il passato

Attracco di Fenici e Greci, l’isola del Tino fu abitata dai Romani,  come testimoniano i ritrovamenti di cisterne, monete e navi onerarie al largo delle sue coste.
Il Tino entra nel mito sul finire del VI secolo d.C. divenendo l'isola di un Santo marinaio, Venerio, che qui visse da eremita accendendo fuochi notturni per guidare i naviganti.
Dopo di lui, per quasi un millennio, fu abitata e coltivata da monaci, fu meta di pellegrinaggi europei e preda di pirati ed eserciti. Divenne bastione di difesa, cava di marmo Portoro e luogo militarizzato.

Il presente

È isola di luce. 
Dal 1840 risplende la luce del faro di San Venerio. Costruito dalla Regia Marina, è oggi gestito dal Comando Marifari Spezia.
Gli antichi fuochi notturni del Santo marinaio e dei suoi monaci continuano a guidare i naviganti ogni notte con i tre lampi e un'eclissi del faro che, generosa sentinella, porta la luce fino a 25 miglia marine. Presidiata da guardiani, palestra addestrativa del Comando Subacquei e Incursori Teseo Tesei, il Tino è l'isola più segreta della Liguria che ora apre i suoi tesori al mondo.

Il futuro

Un ambiente naturale e antropico unico, sopra e sotto il mare, sentieri e terrazzamenti, fondali straordinari, fossili, rarità botaniche e faunistiche, archeologia e spiritualità, reperti risalenti al II sec a. C., caverne, gallerie e installazioni militari centenarie, il faro e le sue sale storiche: il Tino è l'isola dei tesori da condividere, salvaguardare, custodire. Questo è l'obiettivo dell'Associazione Amici dell'Isola del Tino che, in collaborazione con il Comando Marittimo Nord e il Comando Marifari Spezia, vuole dare nuova vita all'isola di luce.

Insieme per l'isola

Il Tino è un'isola di luce e non stupisce che proprio in un anno difficile come il 2020 attorno a questo luogo si sia ritrovato un gruppo di persone - appassionate di storia, di mare, di ambiente, di spiritualità, di navigazione - con un obiettivo comune: salvaguardare e promuovere il patrimonio materiale e immateriale dell'isola. Nel novembre 2020 questo gruppo, nato informalmente, si è costituito in Associazione dando vita all'Associazione Amici dell'Isola del Tino.